Condividi
Facebook
Twitter

Più della metà della popolazione mondiale vive attualmente nelle città. Le città sono importanti siti di consumo di risorse, con abitanti che producono tre quarti delle emissioni di carbonio e più di un miliardo di tonnellate di rifiuti solidi all’anno, di cui oltre la metà è biologica e per lo più rifiuti alimentari.

Con le città che dovrebbero ospitare l’80% della popolazione entro il 2050, la produzione annuale di rifiuti dovrebbe raddoppiare in 15 anni. I modelli di consumo e spreco di cibo richiedono da tempo una trasformazione radicale.

E’ con questo intento che è nato SHARECITY, un progetto guidato dalla professoressa di geografia, ambiente e società di Trinity College di Dublino, Anna Davies, che insieme ad un team di ricercatori ha sviluppato un approccio innovativo per valutare la pratica e il potenziale di sostenibilità delle economie di condivisione del cibo nelle città di tutto il mondo.

Sharecity è la prima mappa comparativa internazionale di questo panorama emergente. Il team ha identificato oltre 4.000 imprese in 100 città  in cui la condivisione del cibo svolge un ruolo attivo e trasformativo nel promuovere la sostenibilità urbana attraverso il risparmio delle risorse, la riduzione degli sprechi alimentari e la costruzione di comunità.

I dati confermano che Londra è in testa con 198 imprese, seguita da New York con 188 e Melbourne con 144, ma la condivisione del cibo sta avvenendo anche in tutto il mondo, in Africa, Sud America, Asia e Medio Oriente, in luoghi diversi come Buenos Aires, Kuala Lumpur e Nairobi; e non mancano le iniziative anche in Italia.

La Professoressa Davies ha dichiarato: “È fondamentale che i nostri sistemi alimentari urbani diventino più innovativi ora per affrontare l’incertezza sulla sicurezza alimentare di fronte ai cambiamenti climatici in futuro. La diversità di sperimentazione e creatività nel settore della condivisione di cibo è sbalorditiva e il Database SHARECITY fornisce la prima mappa comparativa internazionale di questo panorama emergente “.

A questo link potete visionare la mappa e fare le vostre ricerche.