Condividi
Facebook
Twitter

La città svedese di Eskiltuna, a 120km da Stoccolma, ospita il centro commerciale Retuna, basato sulle tre R: riduzione, riutilizzo, riciclaggio. Tutto ciò che viene venduto lì è stato riciclato, trasformandolo in un progetto ecologico senza precedenti al mondo.

Retuna si propone di contribuire a costruire un’economia verde , per ridurre i rifiuti e il riutilizzo di materiali, estendendo la vita utile degli oggetti di uso quotidiano che acquistiamo e consumiamo.

Fondato 3 anni fa da Anna Bergström, questo centro commerciale offre lavoro a 50 persone e ha un flusso di circa 700 visite giornaliere. Situato vicino ad un impianto di riciclaggio, seleziona i prodotti che i consumatori depositano lì, poiché non ne hanno più bisogno, e vengono riforniti i negozi di questo complesso, che vendono una vasta gamma di articoli: dispositivi tecnologici, elettronica, mobili, abbigliamento e accessori.

L’obiettivo del centro commerciale non è puramente commerciale o di vendita, ma educativo, mira ad agire come uno strumento sociale e di sensibilizzazione per la cittadinanza, rivelando l’economia circolare, diffondendo pratiche sostenibili attraverso eventi, workshop e convegni e l’organizzazione di attività per famiglie o scuole, dallo scambio di giocattoli alle iniziative di riciclaggio.

Le sue cifre sono impressionanti: nel 2016 ha raggiunto un fatturato totale di 8,1 milioni , che sarebbe equivalente alla quantità di rifiuti ridotta. Tutto questo in un paese leader nella sostenibilità, dove si stima che oltre il 99% dei rifiuti domestici sia riciclato.

Attualmente, l’Agenzia svedese per la protezione dell’ambiente sta già sviluppando un piano d’azione per raggiungere il limite ambizioso e necessario di rifiuti zero.