Condividi
Facebook
Twitter

Il colore può influenzare addirittura ciò che vi piace e ciò che vi disgusta? E se la risposta non fosse solo positiva, ma comprendesse qualcosa di più?

Un nuovo studio ha mostrato che il colore ci influenza profondamente, molto di più di ciò che ognuno di noi potrebbe pensare. Infatti agisce così in profondità che può cambiare perfino i nostri gusti alimentari.

Ecco come.

Il colore può influire sul gusto del cibo, e le nostre esperienze e aspettative possono influenzare il modo in cui assaggiamo il cibo. Questo potrebbe avere implicazioni su come le industrie alimentari e delle bevande dovrebbero commercializzare i loro prodotti.

“Il colore di una bevanda può influire su quello che pensiamo sia il suo gusto”, ha dichiarato John E. Hayes, professore associato di scienza dell’alimentazione alla Penn State. “Ad esempio, il giallo è comunemente associato a bevande più acide, come la limonata, mentre il rosso è associato a bevande più dolci, come le bevande sportive”.

I ricercatori della Penn State si sono chiesti in che modo le persone imparano le associazioni gusto-colore e se le persone possano essere istruite su nuove associazioni cromatiche.

Ecco cosa è successo.

Innanzitutto, Hayes e Higgins avevano bisogno di verificare se potevano insegnare alle persone ad associare gusti specifici con colori specifici. Hanno creato soluzioni che avevano un sapore amaro, dolce, aspro o salato, e hanno abbinato ciascuna a un colore unico, come il verde per il dolce o il rosso per l’amaro.

“Abbiamo evitato abbinamenti cromatici preconcepiti, come il giallo per l’acido o il rosso per il dolce, perché non volevamo influenzare il nostro campione”, ha detto Higgins.

I ricercatori hanno chiesto ai partecipanti di assaggiare i liquidi colorati in quattro sessioni diverse, quindi hanno fornito ai partecipanti soluzioni incolori e hanno chiesto loro di assaggiare e scegliere un colore per ciascuno. Da subito hanno notato che potevano insegnare facilmente nuove associazioni ad alcuni soggetti, mentre altri sembravano più resistenti.

Qui potrebbe nascondersi un qualche segreto.

Questa scoperta indica che alcune persone imparano subito nuove associazioni gusto-colore, mentre altre sono più resistenti ai cambiamenti e alle nuove associazioni.

Questo potrebbe avere implicazioni nel settore alimentare. Una società potrebbe lanciare un prodotto conosciuto con un colore diverso da quello noto. Questo potrebbe avere conseguenze inaspettate sul nostro apprezzamento. Magari il vecchio prodotto non ci piaceva, ma il cervello vedendo un nuovo colore potrebbe associargli un gusto che consideriamo buono, cambiando di fatto il gusto percepito.