Condividi

Quasi 600 specie di piante si sono estinte negli ultimi 250 anni. Si estingono circa 2,2 all’anno. E i numeri sono maggiori rispetto alle estinzioni di mammiferi, uccelli e anfibi.

Le aree più colpite sono le isole, le foreste tropicali e le regioni del clima mediterraneo.

I ricercatori del (Regno Unito) e l’Università di Stoccolma hanno recuperato un vecchio database con lo stato di specie vegetali conosciute. Creato negli anni ’80 ma mai pubblicato, ora viene alla luce aggiornato con i dati di questi ultimi decenni. I risultati del lavoro sono stati pubblicati su .

Quando il naturalista svedese Carlos Linneo catalogò tutte le piante del suo Specie Plantarum del 1753, c’erano allora 5.940 specie conosciute (dagli occidentali). Da allora, 571 specie sono scomparse, la maggior parte delle quali negli ultimi decenni.

Le isole, specialmente quelle piccole, sono quelle che subiscono il maggior numero di estinzioni. Secondo gli autori dello studio, metà delle sparizioni si sono verificate in esse. Dopo le isole, le le zone tropicali e le aree del clima mediterraneo sono le regioni del pianeta con più estinzioni. Lo studio ha anche stimato che dal momento che gli esseri umani hanno un impatto significativo sull’ambiente (inizio della rivoluzione industriale) il tasso di estinzioni è 500 volte più grande di quanto non fosse nei periodi precedenti.

Anche se lo studio non analizza le cause, gli autori puntano come causa principale la massiccia deforestazione e il progresso dell’agricoltura.